E come Efficenza Energetica

0
292

Uno dei riflessi più gravi che stiamo vivendo in questo periodo è certamente il caro bollette. La politica, forse, per la campagna elettorale appena conclusa, forse per una vera mancanza di idee stenta nel trovare una strada comune bipartisan che possa avere una ricaduta positiva verso la popolazione.

Verso la popolazione in quanto il caro bollette non si ripercuote solamente sulle attività produttive e seppur con i vari bonus che si sono susseguiti nel corso degli anni non sono riusciti a completare un vero ammodernamento e sull’efficientamento del patrimonio edilizio italiano, il quale è particolarmente energivoro (qui su Lecco sono ancora presenti condomini con il riscaldamento a gasolio) e le nuove costruzioni, più efficienti e più intelligenti nel consumo di energia, hanno stentato nella loro apparizione; soprattutto nel nostro territorio.

Secondo i dati del sistema informativo sugli APE sviluppato dall’ENEA, dal 2015 ad oggi oltre la metà dei nuovi attestati energetici hanno conferito alle abitazioni classi energetiche G o F che corrispondo alle abitazioni meno efficienti. Per fare un paragone le nuove classi A, un tempo c’era la classe A e A+, che sono A1, A2, A3, A4 complessivamente hanno “pesato” solo il 7,1% dei nuovi attestati.

Ma anche scendendo di categoria e prendendo in considerazione le classi B e C, anch’esse rappresentano il 5,7% del totale. Poco, molto poco in un periodo in cui l’inflazione galoppa grazie al aumento vertiginoso dei costi energetici ma che indipendentemente da ciò in un peridio in cui comunque dovremmo essere molto attenti verso le emissioni di anidride carbonica e polveri sottili nell’aria.

Tutto questo chiaramente ha influito sul mercato immobiliare generando forti scompensi ma che purtroppo non vengono letti, questo di fatto genera la presenza di immobili “fermi” sul mercato con proprietari con l’esigenza di vendere scontenti e potenziali acquirenti delusi
da un prezzo della casa non collegato al reale valore. Questo perché? Le agenzie immobiliari generaliste si preoccupano più a raccogliere mandati, spesso
pubblicizzando valutazioni redatte addirittura in pochi secondi, senza verificare il giusto valore di un immobile, senza redigere un piano marketing senza verificare le dinamiche di mercato.

Lo staff di B Studio immobiliare ha un approccio diverso nel selezionare gli immobili. Le abitazioni vengono valutate tramite il nostro sistema esclusivo “Valutazione Perfetta” che permette di posizionando con criteri corretti gli immobili, anche dal punto di vista energetico, garantendo valori certi, tempi sicuri e potenziali acquirenti in target all’immobile. Il nostro sistema “Valutazione Perfetta” viene costantemente aggiornato per
tenere il passo non solo con gli andamenti di mercato ma anche con le disponibilità di mercato; di fatto oggi con una scarsità di immobili di nuova costruzione ha ripreso più piede la richiesta di immobili meno recenti che comunque devono essere valutati secondo il loro reale valore e non a un valore più alto perché “le persone vogliono quello”, se ti senti dare questa risposta non è il professionista giusto.

Redatto da
Federico Zaffarano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui